Creare un cocktail a regola d'arte: accessori e ingredienti top

Il successo di un drink lo possono decretare tre fattori: l'abilità del barman prima di tutto, gli ingredienti di alta qualità e gli accessori giusti per realizzarlo!

Il quarto fattore, se si parla di creatività, è quello del gusto di moda: ovvero, il successo di un drink dipende anche dalla sensibilità di chi lo propone, di "azzeccare" il mix giusto per il momento giusto...

In una città dai ritmi frenetici, un locale riservato al relax tra pochi selezionati, sicuramente sarà l'ambiente ideale per un cocktail da sorseggiare con calma, come un French connection, un Old Fashioned oppure un New York Sour.

Sulle spiagge affollate dove si balla fino a notte fonda, sicuramente il successo maggiore lo riscuotono i drink forti, carichi di gusto e dal grado alcolico elevato, come il Long Island, il Mojito o il potente B52.

La preparazione cocktail: superalcolici e attrezzature da professionisti

Se la qualità degli ingredienti deve essere "scontatamente" alta, la capacità di mixarli a dovere ancora di più. Già, perché il miglior whisky in commercio rischia di essere sprecato se non si riesce a dosarlo in modo corretto, shakerarlo e servirlo in un bicchiere adeguato, col giusto ghiaccio.

Gli accessori e le attrezzature del barman (o barlady, sempre di più) sono fondamentali, in tal senso, visto che la preparazione dei drink non può prescindere da questi, specie se si tratta di cocktail che vanno realizzati con shaker, spremiagrumi, tagliascorze e così via.

Sopratutto, sono i misurini a fare la differenza per chi vuole preparare un drink a dovere, secondo le giuste dosi - per non renderlo scialacquato oppure una vera bomba alcolica.

Se si sceglie un Daiquiri, ad esempio, si dovranno calcolare le corrette porzioni, poi saperle shakerare con ghiaccio e servire in una coppa da cocktail – senza sbagliare e versarlo in un bicchiere da vino!

La ricetta originale del Daiquiri prevede: 4,5 cl di rum, 2 cl di succo di lime, 0,5 cl di sciroppo di zucchero.

Prima di tutto è fondamentale saper misurare al millilitro i distillati: per arrivare a 4,5 cl di rum, serve un misurino professionale o jigger, ltrimenti se ne ricava un drink... imbevibile!

Dopo, visto che tutti gli ingredienti vanno shakerati con ghiaccio, dovrete sapere bene come usarlo e... quale utilizzare?

Esistono shaker parisienne, shaker bostoniani, classico continentale: anche se dovete solo invitare i vostri amici a bere un drink a casa, è bene studiare come e cosa utilizzare nella preparazione cocktail.

Le attrezzature da bar più affidabili, al di là di come le userete, sono quelle realizzate in acciaio Inox, in grado di resistere al tempo e agli attacchi degli acidi delle sostanze alimentari. Si tratta spesso di acciaio inossidabile AISI, dotato di caratteristiche che preservano l'igiene in ogni condizione e sono sicuri, anche rispetto alle "aggressioni" della pulizia con prodotti specifici.

Diverse attrezzature sono reperibili on line su diversi portali dedicati al settore, e tra questi un'ampia fornitura di kit barman è presente qui: https://www.ebarman.it/kit-e-valigette-barman/.

Il sito supporta i tanti barman italiani e stranieri, che ogni giorno utilizzano gli strumenti del mestiere per la preparazione drink e cocktail; propone i marchi più affidabili nel settore e una produzione propria di attrezzature bar Made in Italy di ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

Perché tra i tre fattori per il cocktail perfetto, ingredienti e attrezzature dipendono dalla nostra capacità di selezione, e dall'esperienza che facciamo nel tempo di assaggio e lavoro al bancone.

Per l'abilità, invece serve impegno e talento: ma per chi ama il mondo dei drink, di certo sarà sempre un impegno piacevole e ben poco noioso!